La Vera Giubiana

La Vera Giubiana

30 Gennaio 2016

Seregno

Sabato 30 gennaio 2016 l’Associazione «Madonna della Campagna» promuove a Seregno «La vera Giubiana», il tradizionale appuntamento contadino che accompagna verso la fine dell’inverno.

 

«Quest’anno sarà una Giubiana diversa, spiega il Sindaco di SEREGNO Edoardo Mazza. Chi è la vecchia strega che brucia e perché mangia il risotto? Per rispondere a queste domande i volontari dell'associazione Madonna della Campagna con la collaborazione degli allievi dell’«Academy Musical Arts» di “Cartanima” metteranno in scena, per grandi e piccini, la vera storia della Giubiana».

 

«Speriamo che la Giubiana possa bruciare bene. La tradizione, infatti, dice che insieme al fantoccio della strega bruciano anche le miserie e i mali dell’anno appena trascorso, episodi tristi e negativi, magari connessi all’attuale crisi economica, che diventano fumo e svaniscono nel buio della notte, aprendo a un nuovo anno migliore. E ne abbiamo bisogno tutti». Aggiunge il sindaco.

 

Il fantoccio della Giubiana, realizzato con legno, paglia e tessuti, dai volontari dell’associazione, sarà esposto in piazza Italia fino a sera, quando sarà trasportato al «Fuin», in via Cagnola, per essere bruciato.

Alle ore 20 inizierà la degustazione del «Risotto della Giubiana», riso giallo allo zafferano con «luganega» (salsiccia), al prezzo simbolico di un euro a piatto e, alle ore 21.30, la rievocazione della «Vera Storia della Giubiana» con rogo finale.

 

«Non ci fermiamo mai – prosegue Felice Beretta, presidente dell’Associazione “Madonna della Campagna” – e la Giubiana è la dimostrazione: riportata alla luce per scherzo qualche anno fa, è diventata un appuntamento affollatissimo per centinaia di seregnesi e brianzoli. E, così, quest’anno abbiamo deciso di fare un altro passo. Poiché molte persone, soprattutto i più giovani, ci chiedono informazioni sulla storia della Giubiana, perché la si brucia, perché si mangia il risotto e chi è veramente questa strega, abbiamo pensato di mettere in scena la leggenda della Giubiana. Con l’obiettivo di far conoscere a tutti il significato, legato alla tradizione culturale lombardo-brianzola, la stessa che difendiamo ogni anno con tutti i nostri eventi».

 

Ma sarà anche una Giubiana «social»: l’associazione ha attivato l'hashtag #giubianaseregno2016, per poter «taggare» gli scatti fotografici più belli realizzati dai cittadini al fantoccio durante il trasporto, l'esposizione nel centro storico e il rogo nell'area del «Fuin».