Presepe La-Frain mostra a Villa Litta

Presepe La-Frain mostra a Villa Litta

05 Dicembre 2015 - 10 Gennaio 2016

Lainate

Tra i pezzi unici, rigorosamente lavorati a mano che da sabato 5 dicembre sono in mostra nelle sale di Villa Litta, a Lainate, c’è anche il Presepe realizzato dagli ospiti dell’Associazione La-Fra onlus. Le ragazze e i ragazzi dell’Associazione ci hanno lavorato per settimane, avendo bene in mente lo spirito dell’esposizione artistica ‘Il presepe: rappresentazione d’amore e di speranza’.

In quello che per tutti è diventato il “laboratorio di Natale”, le educatrici e il personale tutto del Centro Diurno Disabili di via Redipuglia si sono prodigati per arrivare in tempo alla consegna dell’opera.

Utilizzando i materiali più vari possibile, dal legno al tessuto, dal vetro alla cartapesta, dalle tempere coloratissime alle “toppe” di cartoncino  variopinto, gli artisti di La-Fra hanno creato un angolo d’altri tempi, con piccole botteghe pronte ad accogliere i viandanti, un mulino per ricordarsi di spezzare il pane e condividerlo con gli altri. E poi cavalli, mucche, pecore, maiali e animali da cortile a popolare un’amichevole aia sotto lo sguardo della Sacra Famiglia. Perché alla Capanna si accede con una scala.

Quasi a sottolineare che, insomma, anche il viandante deve fare un po’ di fatica.

Da vedere, fino al 10 gennaio.



Chi è La-Fra?

LA-FRA Onlus: nata quarant’anni fa per iniziativa di alcuni genitori uniti dal comune problema di avere un figlio disabile, La Fra è un’associazione che gestisce un Centro Diurno Disabili (CDD) in via Redipuglia 11, a Lainate e un Servizio residenziale, presso la Residenza Temporanea “Guscio” in via Rosmini, sempre a Lainate.

Il Centro Diurno Disabili CDD, accoglie persone con disabilità gravi di età superiore ai 18 anni. È un servizio accreditato da Regione Lombardia per 25 posti. Gli ospiti del Centro, svolgono attività diverse: laboratori artigianali, uscite sul territorio, psicomotricità, fisioterapia, attività sportive e musicali, supportati da un’equipe di educatori e da personale assistenziale;

La Residenza “Guscio” accoglie alcuni ragazzi ospiti del CDD al termine delle attività del Centro Diurno. Qui i ragazzi possono mettersi alla prova cercando di conquistare una semi autonomia nella gestione delle piccole cose della vita quotidiana, affiancati da educatori e da volontari.